Skip to content

Impianto termico solare come funziona

 

Come funziona un impianto termico solare

in questo articolo cercheremo di spiegare il funzionamento di un impianto termico solare

Gli impianti termici o comunemente detti solari, si basano su una tecnologia che ha lo scopo di convertire l’energia solare in energia termica. Questi impianti sono utilizzati essenzialmente per il riscaldamento dell’acqua ad uso sanitario, sia in abitazioni civili che industriali.

Questi impianti sono molto semplici da realizzare a costi contenuti e utilizzati oramai da moltissimo tempo. Il ritorno economico per il riscaldamento dell’acqua è altissimo e quindi sono una soluzione molto utilizzata.

Essenzialmente esistono due tipologie di impianti termici.

IMPIANTO SOLARE A CIRCOLAZIONE NATURALE

In questo tipo di impianto il serbatoio viene posizionato direttamente sopra i pannelli solari, questi ultimi scaldandosi cedono il calore accumulato direttamente all’acqua che è contenuta all’interno del serbatoio. Questo impianto è molto semplice sia in termini di installazione che manutenzione e ha un costo molto contenuto.

Un impianto a circolazione naturale è un sistema a circuito chiuso. Non hanno pompe ne componenti elettronici, hanno bisogno di una manutenzione minima. Nei tubi passa un fluido atossico il glicole propilenico. Questo fluido esposto alla radiazione solare si scalda e riduce la sua densità divenendo più leggero. Questo fluido passando all’interno di un condotto dentro il serbatoio cede il calore all’acqua che di conseguenza si scalda. Il condotto dove passa il fluido di glicole propilenico è siggillato e protegge l’impianto anche dal rischio di un eventuale congelamento a basse temperature.

Di seguito vi mostriamo uno schema di un impianto a circolazione naturale.

l'immagine rappresneta uno schema grafico di un impianto termico a circolazione naturale. Il pannello grazia all'iradiazione dei raggi solari trasmette il calore al serbatoio posto sopra di esso contenente l'acqua che viene riscandata ed immessa nell'impianto.

IMPIANTO SOLARE A CIRCOLAZIONE FORZATA

A differenza dall’impianto a circolazione naturale, in questo tipo di impianto il fluido viene fatto circolare grazie ad una pompa collegata ad una centralina. E dotato di un sistema di regolazione elettronico che ha lo scopo di controllare la circolazione del fluido e la temperatura se ad esempio avviene una scarsa irradiazione solare, magari dovuta al cattivo tempo, o si verificano elevati consumi, la centralina aziona il sistema ausiliario di riscaldamento. Quest’ultimo può essere termico, a gas o gasolio. Questo sistema migliora sensibilmente il rendimento di tutto l’impianto.

A differenza dell’impianto a circolazione naturale, questa tipologia di impianto geotermico è più complesso e più costoso. Ma garantisce un riscaldamento costante dell’acqua. Molto indicato per gli edifici ad uso industriale.

Di seguito vi mostriamo una schema di un impianto a circolazione forzata

l'immagine rappresento lo schema grafico di funzionamento di un impianto termico a cricolazione forzata. Un pannello esposto alle irradiazione solare trasmette calore al serbatoio la circolazione forzata di un liquido atossico che cede il caloro all'acqua e viene fatto cicolare mediante una pompa e la temperatura controllata da uina centrale elettronica. L'acqua infine viene immessa nell'impianto idrico dell'edificio

Auspichiamo che quanto abbiamo esposto nel modo più semplice possibile vi sia utile a comprendere il funzionamento di questa tipologia di impianti.

Thabit Srl